20/08/10

in esposizione alla collettiva di eco-design "Eco Ri-uso"...


Il “Multi Art” all’Etruria Eco FestivalIl progetto “Multi Art”, presente all’interno dell’Etruria Eco Festival in programma a Cerveteri (Rm) dal 19 al 22 agosto prossimi, catalizza l’attenzione dello spettatore sull’esigenza sempre più sentita da parte degli artisti di trovare un nuovo equilibrio fra ‘opera’ umana e ambiente circostante. Ed è così che da alcuni anni molti artisti e designer hanno individuato nel riciclo di materiali comuni, talvolta anche altamente inquinanti, la materia prima per realizzare le proprie creazioni. Sculture, quadri, istallazioni, oggetti di design prendono così forma attraverso le cose che scartiamo quotidianamente: carta, metallo, vetro, stoffe, ma anche quei materiali che non trovano facile smaltimento nei tradizionali percorsi di riciclo. In questa sentita rappresentazione della realtà, dove l’artista diventa semplicemente un canale di comunicazione fra l’individuo e la natura, prendono nuova vita gli oggetti di scarto del nostro vivere comune, sublimando artisticamente il concetto che nulla si crea e nulla si distrugge. Artisti emergenti e di consolidata fama: pittori, musicisti, maestri artigiani, stilisti saranno presenti in questa rassegna nella cittadina etrusca con esposizioni di opere d’arte, sfilate, spettacoli dal vivo e laboratori per bambini per ribadire la necessità di un nuovo e diverso rapporto fra l’uomo e il nostro pianeta, che continua a vivere nonostante i colpi inferti dal quotidiano, violento accanimento contro di esso. Nelle due collettive: “La Materia rinata” ed “Eco-riuso”, che raccolgono oltre 50 artisti, si potranno ammirare opere uniche: gioielli realizzati con vecchi bottoni, o con pezzi di cartone, svuotando e rianimando fili elettrici, riutilizzando camere d'aria forate di biciclette e di auto, oppure usando dei semplici tasti di telecomando e unendoli ad un materiale pregiato come l'argento, mobili realizzati a mano interamente con il riutilizzo di cartoni da imballo raccolti da un concessionario di moto, oppure splendide sedute in cartapesta ottenuta dal macero di elenchi. Tutte opere riproducibili ma mai uguali, realizzate esclusivamente con materiali insoliti e al contempo comuni. Le sei personali firmate da Cielo Pessione, Patrizia Cornovaglia, Pino Buffa, Sonia Mazzoli, Roberta Amurri, Maria Carla Mancinelli sono evidente espressione di questo amore profondo per l’ambiente e della capacità propria dell’arte, massima espressione dell’ingegno umano, di trovare nuova armonia anche negli scampoli di una società in forte degrado. E per il Multi Art lo stesso discorso vale anche per la musica, suprema forma d’arte che supera ogni barriera linguistica, dove, con ECOPHONICS, dieci percussionisti di formazione accademica utilizzeranno scarti industriali, meccanici e naturali come sorgente sonora in un tripudio di emozioni acustiche fra ritmi africani, latinoamericani, composizioni individuali. A Cerveteri, dove tutto… ha un suono.

4 commenti:

  1. Quante belle iniziative segnali !!!!
    Ciaoo

    RispondiElimina
  2. Grazie a Simona di "Tutto tondo intorno al mondo" ho scoperto il tuo bellissimo blog, complimenti per l'impegno, il lavoro e le idee! Ciaooo pia

    RispondiElimina
  3. grazie 1000 Pia...molto interessante la tua filo-so-pia!!! ciao...

    RispondiElimina
  4. ma noi ci siamo già conosciute ... ricordi l'anno scorso alla selezione? eravamo io e te e altri 2 forse, che spaventatissimi come ad un esame attendevamo di essere chiamati ...

    dai restiamo in contatto un bacione..

    RispondiElimina